TUTTI INSIEME PER IL PICCOLO FABIO DE PANDI

“IL PICCOLO PRINCIPE”, UCCISO DALLA CAMORRA A SOLI 11 ANNI IL 21 LUGLIO DEL 1991 SARÀ RICORDATO ALLA SALA DELLA MEHARI E DELLA MEMORIA

Global Press Italia21/07/2022
Incontri
in memoria fabioNapoli. La Iod edizioni impegnata da anni a fare Memoria in una città e in una regione con oltre 500 vittime innocenti delle camorre, criminalità e terrorismo, invita tutti i cittadini di buona volontà a partecipare, anche per pochi minuti, al Ricordo di Fabio De Pandi, nel giorno dell’anniversario della sua morte per mano di camorristi.
 
“Fabio aveva solo undici anni quando fu colpito mortalmente, il 21 luglio 1991, da un proiettile vagante al rione Traiano. Sognava, come tutti i bambini in estate, di andare al mare. E chissà quanti altri sogni avrebbe potuto e voluto realizzare, negli anni a venire. A Fabio è stato impedito di essere grande”.
 
Cosa accadde il 21 luglio del 1991
“Sognava di andare in vacanza con i suoi amici, trovò la morte in una calda sera di luglio. Fabio De Pandi, figlio di Gaetano e Rosaria, aveva appena 11 anni quando un colpo di pistola sparato nel corso di un agguato camorristico nel Rione Traiano, a Soccavo, quartiere alla periferia di Napoli, lo ferì a morte. Non ci fu verso di salvarlo. Il padre, Gaetano, insieme ad un amico, lo caricò in auto e corse veloce verso l’ospedale San Paolo di Napoli. Morì dissanguato.”
 
Il dolore dei genitori
“Fino ad allora i De Pandi erano una famiglia felice e non lo sapevano. Il papà garantiva un tenore di vita abbastanza soddisfacente. Rosaria la moglie, casalinga, quarantuno anni all'epoca dei fatti, si dedicava ai due figli, Stefania, di tredici anni e Fabio di undici. Quel colpo di pistola, sparato da un camorrista per uccidere il capo del clan avversario, ferì a morte invece il piccolo Fabio.
 
Credo non ci sia dolore più atroce di quello che si prova con la perdita di un figlio. «Sì, il nostro dolore – dice Gaetano in questo racconto - per quanto gli altri lo possano immaginare, non possono mai capirlo come chi l’ha vissuto sulla propria pelle». Gaetano e Rosaria stavano impazzendo. Deve essere stato terribile aprire la porta della stanzetta dove fino alla sera prima dormiva Fabio e non vedere nessuno nel suo lettino. Un’assenza che ha generato odio, rancore, voglia di andare a cercare gli assassini di Fabio e “fargli fare la stessa fine.
 
Col passare del tempo i genitori di Fabio, Gaetano e Rosaria, pur non trovando la pace interiore, hanno trovato maggiore serenità. Si sono dedicati all’altra figlia, aiutandola nel percorso di crescita e cercando di elaborare il lutto attraverso l’impegno sociale, testimoniando nelle scuole, con i giovani, la loro dolorosa storia.”
 
La strage degli innocenti
“In Campania non c’è solo Fabio De Pandi. Sono 45 i minori vittime innocenti della criminalità. Una strage degli innocenti silenziosa, che rischia di non far parte della memoria collettiva perché i ricordi non si ereditano, si apprendono. Trasmettere alle nuove generazioni le storie come quelle di Fabio è soprattutto un dovere civico. Ma è anche un modo per tenere vivo il ricordo di un ragazzo, “il piccolo principe” che ora non sogna più.” (Raffaele Sardo, autore del libro Fabio De Pandi, il piccolo principe, Iod edizioni)

Giovedì, 21 luglio 2022,
dalle 17 alle 19
 presso la Sala della
Mehari e della Memoria
Al Palazzo delle Arti di Napoli,
in Via dei Mille,60
 
Cosa faremo giovedì 21 luglio 2022
 
Visita alla Sala della Mehari e della Memoria al PAN.
  1. Raccontare la storia del piccolo Fabio.
  2. Leggere alcuni brani del libricino del giornalista Raffaele Sardo Fabio De Pandi. Il Piccolo principe
  3. Distribuire gratuitamente ai presenti copia del libro
  4. Presentazione del prossimo appuntamento per ricordare un’altra vittima innocente.
 
Il valore della memoria e della testimonianza
La Iod edizioni ha fondato tutta la sua attività editoriale sul tema della Memoria.
Consapevole che ogni nuova generazione ha necessità di apprendere i ricordi, le testimonianze, le narrazioni e le storie del passato, tra le quali quelle delle vittime innocenti della violenza criminale e delle mafie. Adoperarsi per mantenere in vita la memoria di coloro che sono stati ammazzati dalla barbaria criminale, e non solo, ha significato, per la Iod edizioni, dedicarsi con impegno al mondo della letteratura civile,  che, da sempre, ha il coraggio di presentare, sulla scena della nostra contemporaneità, la lingua, i valori, le atmosfere, i profumi, i sapori, i luoghi, gli amori, le amicizie, e le preoccupazioni di un mondo vissuto con intensità da donne, uomini e bambini, che la violenza criminale e la non curanza delle istituzioni ha respinto nel buio dell’oblio.
Solo grazie ad una scrittura responsabile i lettori, in particolare i giovani per la loro curiosità e vitalità, e gli adulti per il dolore degli affetti e delle cose perse, possono ritrovare il senso profondo della vita. E lottare per un mondo senza violenza e più giusto.
 
Collana cronisti scalzi | dedicata alla memoria di Giancarlo Siani
“Cronisti Scalzi” è la nuova collana della Iod edizioni che ha l’ambizione di raccogliere i racconti, le narrazioni e le storie di giovani autori, scrittrici e scrittori, critici letterari e cronisti delle periferie, dentro e fuori le mura delle nostre città, impegnati a resistere, attraverso la libera scrittura,  a un mondo della cultura che va sempre più adeguandosi al conformismo del pensiero dominante. Vogliamo dare, così, spazio, insieme ad autorevoli voci della letteratura civile e al giornalismo d’inchiesta, a quei autori che continuano a essere presenti sul posto, a piedi scalzi, e che conservano la memoria, lo stile e il metodo di ricerca e di narrazione di Giancarlo Siani, giornalista precario, ucciso dalla camorra la sera del 23 settembre del 1985, e definito da Erri De Luca «cronista scalzo». «Giancarlo era un giornalista scalzo, non aspettava le notizie per riportarle, ma cercava il meccanismo sanguinoso che le produceva.»
 
La Sala del memoriale, progettata dalla Iod edizioni, nel Palazzo Arti di Napoli  espone la Mehari di Giancarlo Siani, il cronista del “Il Mattino” ucciso dalla camorra il 23 settembre 1985, una mostra a lui dedicata, le foto della mostra NONINVANO con i volti e i nomi delle vittime innocenti della criminalità in Campania, e infine i volti e i nomi dei 28 giornalisti italiani uccisi da mafie, terrorismo e in missioni all'estero. La volta della Sala raccoglie tutti i nomi delle 500 vittime innocenti, trasformando la volta stessa in un cielo stellato di nomi, facendo riferimento ai versetti (Baruc 3, 34-35)
Le stelle brillano dalle loro vedette
e gioiscono; egli le chiama e rispondono: «Eccoci!»
e brillano di gioia per colui che le ha create.

Il progetto della Sala è stato sostenuto materialmente dalla Fondazione Polis della Regione Campania, dal Comune di Napoli e dall’ Ordine dei giornalisti della Campania, con la partecipazione del Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità.

Brano tratto dal libro di Raffaele Sardo
Fabio De Pandi. Il piccolo principe
 
«Che fosse un proiettile, l’ho capito quando Fabio si è lamentato: “Papà, vedi che mi è successo”, ha detto il mio bambino. "Ho alzato la maglietta» dice Gaetano con un tono di voce concitato come se rivivesse quei momenti, «e ho visto che c’era sangue". Mia moglie ha cominciato a urlare. È sceso il mio amico. Non abbiamo perso tempo. Ho pensato di correre in ospedale. Io a guidare l’auto e il mio amico sul sediolino di fianco con Fabio in braccio. Sono partito come un razzo alla volta dell’ospedale  San Paolo che si trova a circa tre chilometri dal luogo della sparatoria. Ho fatto tutto il vialone del Rione Traiano a velocità supersonica. Ho imboccato la strada di Monte Sant’Angelo e mentre continuavo a correre, una macchina ha fatto il possibile per avvicinarsi alla nostra auto. C’era traffico, mi sono infilato dappertutto. Quest’auto mi correva dietro ed è riuscita ad affiancarmi. Erano quelli che avevano sparato. Nonostante la mia folle corsa, cercavano di avvicinarsi a me per capire cosa avessero combinato con i colpi che avevano sparato. Una persona si è sporta dal finestrino, voleva vedere chi era il ferito. Quella persona qualche giorno dopo l’ho rivista sui giornali. Era Amedeo Rey, il killer che aveva fatto fuoco, un affiliato al clan di Ciro Puccinelli. Poi ho saputo che la loro era una spedizione di morte per uccidere il capo del clan avversario, Mario Perrella. Mentre proseguivo verso l’ospedale San Paolo, ho visto mio figlio chinare la testa su un lato. “Gaetano, si è fatto pipì addosso” ha detto quasi contemporaneamente il mio amico. Ho capito che era finito, ma non l’ho voluto accettare» dice Gaetano commuovendosi. Si ferma un attimo, tossisce per riprendere fiato. I suoi sono quasi singhiozzi. Dopo pochi attimi, riprende a raccontare.»
 
Appuntamento
Giovedì, 21 luglio alle ore 17.00
Sala della Mehari e della Memoria
Palazzo delle Arti di Napoli,
Via dei Mille, 60
 
Il volumetto
Fabio De Pandi
Il piccolo principe
 
Caratteristiche del libro
che sarà dato in omaggio ai presenti
Autore Raffaele Sardo
Titolo Fabio De Pandi
Sottotitolo Il piccolo principe
Project manger editoria Pasquale Testa
Progettazione grafica Gix Musella
Editing Mariarosaria Vado
Direttore editoriale Francesco Testa
ISBN 979-12-80118-49-3
Pagine 84
Formato 12x18
 
 Ufficio stampa
Iod edizioni
iodedizioni@gmail.com                                                                                              
www.iodedizioni.eu                   
cell. 3248029235

https://www.facebook.com/events/1917076828481720?ref=newsfeed

 

Richiesta Informazioni













Articoli Local