"SCHEGGE D'AUTORE", IL MIGLIOR TEATRO D'AUTORE CONTEMPORANEO A ROMA

AL TEATRO TOR DI NONA IL FESTIVAL DELLA DRAMMATURGIA ITALIANA ARRIVATO ALLA 17a EDIZIONE

Global Press Italia20/05/2018
Teatro
scheggeRoma. L’ormai tradizionale rassegna di corti teatrali, monologhi e atti unici esclusivamente di drammaturghi contemporanei viventi, torna per il diciassettesimo anno al Teatro Tor di Nona a Roma il 22, 23 e 24 maggio. Il Festival della Drammaturgia Italiana, denominato “SCHEGGE D’AUTORE” è stato ideato da Renato Giordano ed è sostenuto dallo SNAD (il sindacato degli autori drammatici) e dall’INPS con il fondo PSMSAD.

Nuovi autori e interpreti si sfideranno sul palco dello storico Teatro Tordinona per dar vita all’appuntamento che, anno dopo anno, si riconferma tra i più apprezzati e seguiti della Capitale. 
Tanti i testi selezionati dall’attenta Giuria, della quale in passato hanno fatto parte i Maestri Ettore Scola e Mario Scaccia ai quali è dedicata questa edizione. Sono pervenuti durante l’anno monologhi, corti e atti unici. I testi verranno portati in scena ognuno per tre sere consecutive, fino al 31 maggio, serata finale di premiazione. Un’edizione che si caratterizza per interessanti lavori realizzati da importanti nomi del teatro italiano, ma anche un’occasione di grande visibilità per i nuovi autori e attori emergenti.
 
All’interno di Schegge avrà luogo la seconda Edizione del Premio “Luce sul Proscenio” dedicato agli autori Under 35 e promosso dalla Fondazione Favi Annita Onlus.
 
Si parte il 22 maggio alle ore 20:30, con i primi sei corti, che saranno in replica anche il 23 e 24 maggio: “La ragazza nella valigia”, scritto dal commediografo, fotografo e giornalista Salvatore Scirè

La ragazza nella valigia è un corto teatrale inedito, scritto appositamente per la rassegna Schegge d’Autore. La storia si ispira molto liberamente a un recente, tragico fatto di cronaca. Una valigia abbandonata, forse piena, o forse vuota, viene rinvenuta ai bordi di un viottolo di campagna; ma come per incanto, ecco apparire una ragazza, che in modo assolutamente surreale racconta la sua drammatica storia alle persone che incontra. E chi sono costoro? In un clima di mistero si sviluppa la narrazione drammaturgica, con accenti a volte forti, a volte pervasi da dolce romanticismo. Sul palco: Maria Cristina Capogrosso, Nicola Di Lernia, Adolfo Bianchi Whites e Silvia Notari. La regia è dello stesso autore.schegge

A seguire, lo storico del teatro e autore Giovanni Antonucci porta in scena il suo testo “Bolle di sapone”, interpretato da Antonucci stesso, protagonista di un monologo satirico su vizi e luoghi comuni del mondo di oggi. In scena anche un atto unico breve ambientato in un futuro non tanto prossimo dove i maschi si sono estinti, il testo è di Alessandro Iori  dal titolo “4014”. A seguire sarà la volta dell’autrice Anna Hurkmans con “L'ultima notte di Mata Hari”, ambientato nel 1917, prigione di Sant Lazare dove è prigioniera la famosa danzatrice e spia . La rassegna prosegue con “Gladiatrici” di Lucio Castagneri che vede come protagonista Amazon e Akillia le due famose gladiatrici immortalate nella famosa stele di alicarnasso e con “Era per darti la vita” di Carlangelo Scillamà, con i fichi d'india metafora del sapore di paradiso..

Nei giorni 25 -26 -27 maggio, alle ore 20.30, andrà in scena un corto che ci fa vedere Antonietta la moglie di Pirandello tornare a casa dalla clinica psichiatrica “Maschera Nuda”, di Giancarlo Gori; segue “La buca nel sottoscala” di Violetta Chiarini storia di due coniugi durante la seconda guerra mondiale. Con L’interpretazione della stessa Chiarini. Altro titolo metaforico per il testo di Massimiliano Perrotta: “Angelica”, che racconta l'incontro tra un vecchio ed una giovane ragazza. Una pericolosa cinquina da cui è possibile aspettarsi tutto,è in scena nel testo di Spinozzi e Calanna, “Cinquina”. Nelle stesse sere, Gianluca Riggi porta in scena il corto intrigante, “i mancati giorni”, storia del percorso esistenziale della vita di un uomo.
Infine “S-memorare è un'arte”, Di  e con Luisa Sanfilippo. Protagonista di un continuo effluvio di memorie tra ricordi e dimenticanze.

Il 29 ed il 31 in scena anche il nuovo corto di Renato Giordano “Pulcinella e la notte stellata”.  Con lo stesso Giordano e la soprano Maria Elena Pepi. Pulcinella esce dall'osteria e vorrebbe fare una serenata alla sua Colombina ma...il cielo è troppo stellato e la luna non si vede...
 
I giorni 29-30- 31 Maggio, sono dedicati ai vincitori del Premio Luce sul Proscenio, voluto dalla Fondazione Onlus Favi Annita onlus, e dedicato ad autori under 35 iscritti allo Snad. Tre sono i vincitori della 2 Edizione. “A short Plash” di Elena Baroglio“Le avventure del detective Pears” di Matteo Cupellaro e “ Cinquant'ore” di Olimpia Ferrara.

 Il 31 Prima della Premiazione avrà luogo una tavola rotonda sul tema: “La giovane Drammaturgia in Italia”. I Premi speciali della sezione internazionale verranno assegnati : allo scrittore russo Vladimir Gorban e alla memoria della pittrice Laura Gori in arte Ipanema, autrice dell’immagine di quest’anno.

Il Festival, organizzato dallo SNAD (Sindacato Nazionale Autori Drammatici e Radiotelevisivi) con la direzione artistica di Renato Giordano ed il contributo dell'INPS – Fondo PSMSAD, è dedicato agli autori teatrali italiani. In diciassette anni di festival sono andati in scena circa 700 nuovi testi. Un evento unico, dove la scrittura drammaturgica è protagonista, in un paese in cui per i nuovi autori è sempre più difficile andare in scena. Un Festival coinvolgente, ma anche un osservatorio sulla vitalità del teatro e le sue continue evoluzioni.
 
Gli spettacoli avranno inizio sempre alle ore 20.30
L’ordine in scena degli spettacoli sarà regolato da un sorteggio che si terrà la prima sera di ogni turno.

Teatro Tordinona
Via degli Acquasparta n.16, Roma Tel: 067004932
Prezzo del biglietto: Euro 12,00 e 10,00.
Ufficio Stampa mininnigiuli@libero.it

Richiesta Informazioni













Articoli PATRIMONI