“CON TUTTO IL CUORE”, SALEMME È IL TRAPIANTATO DI UN FEROCE DELINQUENTE

DIVERTENTISSIMA COMMEDIA CON L’ATTORE IN GRAN FORMA AL SISTINA

di Salvatore Scirè02/02/2019
Visto e recensito
VINCENZO SALEMME SISTINA CON TUTTO IL CUOREROMA. Al Teatro Sistina ritorna Vincenzo Salemme  con un’altra commedia dal titolo  “Con tutto il cuore”, della quale è, come sempre, autore regista e interprete.
Una commedia che si presenta fin dalle prime battute improntata al ritmo e al magico fascino della parola, in chiave fortemente comica e caratterizzata magnificamente da tutti gli interpreti.

Lasciamo all’Autore la presentazione dell’opera : “al centro della vicenda c'è un piccolo uomo, il mite insegnante di lettere antiche Ottavio Camaldoli, che subisce un trapianto di cuore, ma non sa che il cuore che gli è stato dato in dono, è quello di un feroce delinquente, Antonio Carannante, morto ucciso, il quale prima di morire ha sussurrato alla mamma, feroce quanto lui, le ultime volontà: che il proprio cuore possa continuare a pulsare anche dopo la sua morte, affinché colui che lo riceverà in dono (Ottavio appunto), possa vendicarlo. VINCENZO SALEMME SISTINA CON TUTTO IL CUORE

Inutile dire che il professor Camaldoli non ne vuole sapere di far fuori Mangiacarne, il delinquente che aveva eliminato il donatore; e così cercherà di spiegare alla famiglia Carannante che il cuore trapiantato non può cambiare una mente, un carattere, una personalità.
Sicuramente si tratta di uno spunto interessante, che permette un immediato decollo a una commedia ricca di verve, di battute intelligenti, di gags, di situazioni al limite del surreale, che fanno del  colore e della “napoletanità” il suo punto di forza.

Un lavoro che Salemme si è cucito addosso con perizia: risulta infatti aderente con la sua vis comica, con il suo modo di recitare, di affabulare, suscitando risate a non finire. Una grande prova d’attore, che sostiene massicciamente tutto l’impianto dell’opera, la quale, probabilmente, non tocca  – sotto il profilo strettamente drammaturgico – la compiutezza di “Una festa esagerata...!” ma che raggiunge il risultato voluto, quello di divertire, grazie anche alla caratterizzazione dei vari personaggi che formano la struttura della commedia. Tutti affidati ad  attori di buon livello.

Accanto a lui, irresistibile professor Camaldoli  recitano Antonio Guerriero, perfetto nel ruolo di infermiere “finto”, Teresa Del Vecchio, bravissima nel ruolo della moglie separata e venale Clelia, Vincenzo Borrino, divertente nei panni della “finta badante indiana”, Antonella Cioli nelle vesti della “malamente” Carmela Carannante e Sergio D’Auria (suo figlio Giggino), Mirea Flavia Stellato (Federica, la figlia diciottenne, spigliata e “moderna”), il simpatico Domenico Aria (ovvero Giacomino, il nuovo compagno di Clelia) e Giovanni Ribò.
Un bellissimo gruppo, ben rodato e assai funzionante.
  
VINCENZO SALEMME SISTINA CON TUTTO IL CUORELe scenografie sono di Gilda Cerullo e Renato Lori, mentre i costumi sono di Francesca Romana Scudiero e il disegno luci è di Umile Vainieri.
Sicuramente una commedia da andare a vedere!   Divertimento assicurato!
                                                                                                        
 
Fino al 24 febbraio 2019
Teatro Sistina
Info: 06.4200711 – www.ilsistina.it
 
 

Richiesta Informazioni













Articoli PATRIMONI