banner
banner
banner
banner
tutto-per-lola_rid3-1

Visto e recensito. “TUTTO PER LOLA”, OVVERO IL SENSO DELLA VITA SECONDO QUATTRO EX-PROSTITUTE

289
banner

ROMA – Si ride di gusto alla morale di queste quattro signore, tanto tempo fa bellissime prostitute, che hanno deciso di continuare a vivere gli ultimi anni della loro vita nello stesso villino liberty che le ospitò nel loro antico mestiere. All’aprirsi del sipario siamo già testimoni di un vero e proprio colpo di scena… ma ancora non è successo niente, direte voi… in realtà il fatto è davvero eclatante: nel loro giardino, coltivato a begonie che Livia pianta un giorno sì e l’altro pure perché nel frattempo appassiscono, il piccolo chiwawa di una di loro ha scavato una buchetta dove all’improvviso è spuntata  la gamba di un africano. Per farla breve la polizia ritrova sparsi per il giardino i vari pezzi del poveraccio che viene identificato come il pappone di prostitute nigeriane, un omaccione alto due metri. Il commissario indaga sull’efferato omicidio e subito i suoi sospetti cadono sulle quattro simpatiche signorine ormai avanti con gli anni che con ironia e più o meno sicurezza cercano di allontanare da loro i dubbi dell’implacabile poliziotto.

Inizia a questo punto un godibilissimo minuetto di battute e frecciate ironiche dove le quattro ricorderanno i loro giorni migliori, ma verremo anche a conoscenza anche del loro buon cuore e della loro particolare idea di moralità. Le amiche a esempio sono sempre disponibilissime a dare una mano a chi ne ha bisogno, come è accaduto con quella Lola, una fanciulla proveniente dalla Nigeria, che è stata spinta a vendere il proprio corpo dall’uomo trovato diviso in cinque parti sotto il terreno del loro giardino. Assistere alle continue violenze contro quella povera ragazza era insopportabile… e una sera… ma non vorremo togliere il sale del divertimento continuando a raccontare la storia della commedia. Dobbiamo invece parlare delle quattro insuperabili protagoniste della pièce. A cominciare da Caterina Costantini che interpreta Ester con una irruenza, un’apprensione e sensibilità parossistica che ha strappato più volte al pubblico l’applauso a scena aperta. Lo stesso si può dire di Lorenza Guerrieri, nella parte di Livia, la più posata tra le amiche, ma anche la più decisa e risoluta. Personaggio chiave è quello di Carla, interpretata in modo impareggiabile da Lucia Ricalzone, ironica quanto basta, sarcastica come una iena e graffiante come una tigre. Infine Monica Guazzini è Lucia, la più giovane delle tre ed è quella che alla fine propone una soluzione esistenziale che verrà accettata a malincuore dalle altre (fino al 15 gennaio la Guazzini sarà sostituita dalla brava Rita Pasqualoni). Il commissario è interpretato da Geremia Longobardo, indomito e inarrestabile come mai, tanto da beccarsi un trasferimento per la sua troppa solerte inefficacia.

Insomma una storia scritta in modo brillante da Roberta Skerl che sembra non sbagliare un colpo e congegnata bene dal regista Silvio Giordani che ritma il tutto sul filo dell’ironia e del paradosso. Uno spettacolo sicuramente da consigliare.

VITO BRUSCHINI

 Dal 10 al 29 gennaio 2017

Planet Production presenta

Tutto per Lola

di Roberta Skerl

con Caterina Costantini (Ester) – Lorenza Guerrieri (Livia)

Lucia Ricalzone (Carla)

Monica Guazzini (Lucia)

Geremia Longobardo (Commissario Mascari)

Regia di Silvio Giordani

Teatro de’ Servi

Roma – Via del Mortaro 22 (ang. Via del Tritone) Info: 06.6795130

www.teatroservi.it – https://www.facebook.com/TeatroServi?fref=ts

 

BIGLIETTI: PLATEA 22€ – GALLERIA 18€

ORARIO SPETTACOLI: DA MARTEDI A VENERDI ORE 21 – SABATO ORE 17.30 E 21 – DOMENICA ORE 17.30 – LUNEDI RIPOSO

 

Ufficio stampa: Carla Fabi 338 4935947 & Barbara Ghinfanti 333 9812852  – info@fabighinfanti.it



Related Articles & Comments

  • banner

Leave a Comment

Popular tags

auto blu Borsellino Canadà commedia crisi Cristina Marra euro europa GEPPI DI STASIO Gianni Clementi Hollande Italiani in fuga Jasmine Trinca Marco Cavallaro Martigli PAOLO BARNARD romanzo storico salvatore scirè TEATRO CONCIATORI TEATRO DELLE MUSE